Bouchra Ouizguen

Éléphant

Una coreografia intima tra movimento e voce per condividere la domanda su come mantenere la speranza di fronte alla scomparsa delle cose.

7 – 8 ottobre 2022

Teatro Storchi
Largo G. Garibaldi, 15
Modena


venerdì ore 21, sabato ore 20.30
Note

La coreografa e danzatrice marocchina Bouchra Ouizguen presenta il suo ultimo spettacolo, una coreografia intima tra movimento e voce. Insieme alle artiste della sua Compagnia dà corpo ad un coro femminile la cui intensità di voci è sbalorditiva. L’elefante del titolo, animale molto bello ma in via di estinzione, è forse una metafora di ciò che ci è caro ma che sta gradualmente scomparendo. Ma al centro di questa perdita, c’è una sorta di gioia, ponte tra il passato e il presente.

Direzione artistica Bouchra Ouizguen
Danzatrici e cantanti Milouda El Maataoui, Bouchra Ouizguen, Halima Sahmoud, Joséphine Tilloy
Disegno luci Sylvie Mélis
Produzione – Amministrazione Mylène Gaillon

in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Modena
prima nazionale
nell’ambito di VIE Festival


Bouchra Ouizguen

Bouchra Ouizguen è una coreografa e danzatrice marocchina nata nel 1980 a Ouarzazate. Vive e lavora a Marrakech dove dal 1998 è impegnata nello sviluppo di una scena coreografica locale. Danzatrice autodidatta dall’età di 16 anni, ha creato i suoi primi pezzi sperimentali come Ana Ounta o Mort et moi, alimentata dai suoi interessi per il cinema, la letteratura, la musica…
Co-fondatrice dell’associazione Anania nel 2002, prima di fondare Compagnie O nel 2010.
Nel 2010, in Francia, ha ricevuto il premio per la rivelazione coreografica dalla Società degli autori e compositori drammatici (Sacd) e il premio dall’Unione dei Critici del Théâtre Musique Danse.
Nel 2011 ha creato l’assolo Voyage Cola con il coreografo Alain Buffard nell’ambito dei Sujets à Vif del Festival di Avignone.
Nel giugno 2012 ha creato Ha! al Montpellier Danse Festival; nel febbraio 2014, ha creato l’opera-scultura Corbeaux per 17 danzatrici alla Biennale Arte di Marrakech. Questa performance le hanno ispirato due video “Corbeaux” e “Fatna”, presentati come parte di un’installazione al Museo delle Civiltà dell’Europa e del Mediterraneo (MUCEM) a Marsiglia nel 2017.
Nel 2015, ha riunito quattro artiste che avevano già partecipato ai suoi precedenti lavori, per creare Ottof – le formiche, in berbero – presentato al Montpellier Dance Festival nel giugno 2015.
Nel 2017 ha creato Jerada, uno spettacolo creato per i ballerini di Carte Blanche, la compagnia nazionale norvegese di danza contemporanea. Nel 2018, lo spettacolo ha ricevuto il Premio della Critica per la migliore esibizione di danza in Norvegia. Nel 2019, nell’ambito della Biennale d’arte contemporanea internazionale di Rabat, ha presentato la piece coreografica e musicale Éléphant ou le temps suspendu al Museo di Oudayas.
I suoi spettacoli sono stati presentati da istituzioni quali il Tate Modern, il Museo nazionale d’arte moderna e contemporanea di Séoul, il Brooklyn Museum, la Power Station of Art a Shanghai, etc

Éléphant

Torna su